Emoji: usare con cautela

Parental Control e Family Safety Computer
Bambini e PC: come regolare l’uso del computer
24 novembre 2015
Hosting: cos’è e perché è importante
23 giugno 2016
Mostra tutto

Emoji: usare con cautela

come usare le emoji

Si chiamano Emoji e sono le faccine più tutti quei disegnini che si usano per esprimere stati d’animo o per illustrare concetti e che trovi nei programmi di chat o di messaggistica istantanea.

Solo che alle volte fanno esattamente il contrario di quello che tu credi e mentre tu mandi baci l’altra persona riceve pugni.

Sì, succede davvero e più spesso di quanto ci s’immagini ed ora ti racconto come e perché.

 

Dagli Emoticon alle Emoji

Le Emoji non sono una novità ma semplicemente l’evoluzione degli Emoticon che esistono da anni in versione grafica (la faccetta che sorride) e da molto molto prima in versione tipografica (due punti e parentesi chiusa per simulare un sorriso)

E l’evoluzione, come ben sai, non ha mai fine, per cui con il passare del tempo alle faccine base si sono aggiunti sempre più simboli e disegni che di tanto in tanto cambiano.

Le faccine a mio parere sono fantastiche perché permettono di dare un tono alle conversazioni brevi (le chat) dove è molto difficile, se non quasi impossibile, capire il tono dell’altra persona.

Alle faccette si sono nel tempo aggiunti un sacco di altri simboli che rendono facile esprimere interi concetti con 2 o 3 “tocchi”, soluzione comodissima quando hai zero tempo o sei sballottata su un tram milanese.

Il contro della continua evoluzione è che

  • non tutti hanno lo stesso sistema operativo nel telefono
  • non tutti hanno il programma di chat aggiornato all’ultima versione.

 

Emoji ed Emozioni contrastanti

Così succede che stamattina mando a Manuela una faccetta con maxi sorriso del tipo “cavoli che bella questa cosa che succede” e a Manuela arriva una faccetta che sbuffa dal naso stile toro infuriato!

In questo caso mi è andata bene perché la faccetta non era a commento di qualcosa fatto dalla mia corrispondente, quindi non poteva offenderla e, soprattutto, poco dopo aver mandato il mio messaggio dal telefonino ho ripreso il discorso dal tablet e mi sono accorta di star vedendo un disegno ben diverso da quello che avevo inviato.

Ma pensa cosa sarebbe successo se il toro sbuffante fosse arrivato a Manuela in risposta ad una sua frase tipo “aperitivo stasera?” o “ti piace il post che ho scritto?” o “mi vuoi bene?”

E pensa a come sarebbe andata se il mio tablet e il mio telefono avessero il programma di chat aggiornato alla stessa versione e non mi fossi quindi accorta del qui pro quo.

E poi pensa a tutto questo in un ambito più delicato, tipo quando scrivi a qualcuno con cui non vai proprio d’amore e d’accordo o con cui stai proprio litigando.

 

Emoji: istruzioni per l’uso …senza problemi

Bene ora che hai fatto viaggiare la fantasia e hai il quadro completo degli incidenti diplomatici che possono creare le Emoji, torna qui che ti racconto come usare le faccette senza problemi.

 

Come funzionano le Emoji

Il tuo telefono è diverso da quello delle persone con cui comunichi, per cui molti dei simboli che tu vedi gli altri non li hanno proprio oppure li hanno ma diversi.

Questo succede perché dietro ciascun simbolo c’è un codice alfanumerico che dice al sistema cosa mostrare.

In pratica il meccanismo è questo:

  • tu vedi la faccetta che si sganascia dalle risate,
  • il tuo telefono vede il codice #@12ab (non è il codice vero, è solo un esempio)
  • il mio telefono, che è diverso dal tuo, traduce questo codice in un toro che sbuffa

Ed ecco fatto il patatrac.

 

Come usare le Emoji con buon senso

  1. Prima di riempire di disegnini di ogni sorta la chat di una persona con cui comunichi per la prima volta fai un veloce test per assicurarti che lei veda le stesse cose che vedi tu. Per fare questo basta che invii una Emoji “particolare” con accanto scritto “ti ho mandato [nome del disegnino] tu cosa vedi”?
  1. Ripeti periodicamente il test per assicurarti che abbiate entrambe sempre la stessa versione del programma di chat
  1. Se scrivi ad una persona con cui hai problemi usa solo le parole e, al massimo, sostituisci la faccetta con la parola corrispondente tipo [sorriso] – [arrabbiata] – [triste]
  1. E se proprio delle Emoji non puoi farne a meno, in caso di dubbia corrispondenza cerca di usare solo quelle classiche, scrivendole alla vecchia maniera, perché questo è l’unico modo in cui sei davvero sicura che arrivi ciò che mandi 🙂

Ecco alcuni esempi di Emoticon tipografiche che ho ritrovato tra i miei vecchi file:

emoticon tipografici

 

E tu li usi le Emoji? E quanto spesso?  Ti è mai capitato qualche pasticcio per aver inviato una Emoji sbagliata?

Raccontalo nei commenti qui sotto

Sei, come me, un po’ datata e ti ricordi altri emoticon tipografiche che usavi spesso?

Mettile nei  commenti, così ampliamo la lista insieme!

 

 

Se ti è piaciuto dillo in giro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.