Quanti “Allarmi” ricevi ogni giorno nella mail?

Lo SPAM e gli indirizzi in CCN
30 marzo 2011
Navigare Protetti – Chrome e cookies
22 giugno 2012
Mostra tutto

Quanti “Allarmi” ricevi ogni giorno nella mail?

ATTENZIONE

TRUFFA SUI CELLULARI
TRUFFA: SE RIESCI INOLTRA A PIU’ PERSONE POSSIBILE!!!
SE RICEVETE UN MESSAGGIO SUL VOSTRO
CELLULARE CHE VI PREGA DI RICHIAMARE IL
NUMERO 0141 455414 OPPURE VI CHIAMANO CON
QUESTO NUMERO VISUALIZZATO, NON RISPONDETE
E NON RICHIAMATE PER NESSUN MOTIVO…

 

“Urca! Sarà mica quel numero a cui ha risposto ieri il Peppino e che però non si sentiva e forse dall’altra parte non c’era nessuno?!!
 Aspetta che adesso inoltro questa mail a tutta la mia lista che è importante questa cosa qua… è persino sulla carta intestata della FEDERCONSUMATORI!”

 

…ed è così che Antonietta, convinta di fare cosa buona e giusta, inoltra la mail con l’avviso a tutti i nominativi della sua rubrica (che sono più di 50!!!) e nella fretta si dimentica di metterli in “Copia Nascosta” così ciascuna delle persone che riceve la mail, non solo vede gli indirizzi di 50 altre persone ma anche, nella fretta di inoltrare a sua volta questo importante avviso, fa la stessa cosa: spedisce a tutta la sua rubrica con gli indirizzi in chiaro…

Ed è così che oggi, nella mia casella di posta, arriva questo importante avviso corredato di circa 200 indirizzi mail “in chiaro”! (cioè visibili e non nascosti!)

Ok! E il problema dov’è?

Perché, va da se, che se te ne sto parlando in questo sito vuol dire che in quanto hai appena letto (e fatto anche chissà quante volte!) c’è qualcosa di sbagliato!

Beh! Il problema c’è …anzi ce ne sono ben più di uno in vero! ed hanno a che fare con concetti come:

  • diffusione di inutile allarme,
  • favoreggiamento dello spam,
  • catena di sant’antonio…

Parliamone dunque!

Tempo fa, quando la posta elettronica così come l’intendiamo oggi non esisteva ancora ed i computer erano enormi marchingegni pieni di valvole e transistor che occupavano i seminterrati dei grossi centri di ricerca governativi, ogni tanto arrivava nella cassetta delle lettere, quella vera! quella di legno e vetro, che stava nell’atrio del palazzo, una lettera “anonima” contenente un testo pieno di “brutte cose”, la cui coda finale era tipo:

Se non mandi questa lettera ad almeno 10 persone
…ti succederanno un sacco di brutte cose

e via con un infilata di “sfighe” (termine tecnico informatico per indicare eventi impregnati di cattiva sorte!) capitate ad una serie di persone che avevano fermato la catena!

Ti dice niente questa descrizione?!

Allora la si chiamava “Catena di Sant’Antonio”.

Qualcuno si faceva prendere da attacchi di scaramanzia e diffondeva la catena (una volta da piccola devo averlo fatto anch’io!).

Altri, i più in vero!, foss’anche solo per il costo in carta, buste e francobolli e tempo che implicava l’inviare 10 lettere come quella ricevuta, decidevano di “sfidare la sorte” ;o) e buttarla nel cestino!

Oggi quelle fameliche catene sono scomparse …ma lo sono davvero?!

In realtà non si sono mai viste così tante e tanto frequenti Catene di Sant’Antonio come da quando l’uso della posta elettronica si è diffuso prima in tutti gli uffici e poi in tutte le case!

Le Catene di Sant’Anotonio non sono scomparse! Semplicemente si sono rifatte il look e si sono adattate ai nostri tempi, cambiando, quindi, non solo mezzo di diffusione (adesso arrivano via posta elettronica!) ma anche strategia di marketing!

Di queste Catene di Sant’Antonio dell’era moderna te ne parlerò diffusamente in altri articoli, perchè è importante che tu abbia ben chiare alcune cosucce a riguardo!

Per oggi mi limito a svelarti che:

la gran parte degli allarmi che ricevi via mail sono BUFALE!!!!

Sono allarmi finti! Nati per lo più allo scopo di indurre chi li riceve a “diffondere” la notizia, ovvero: continuare la catena!

Ok! Ti credo! Ma… perché!? A chi giova? Chi e come ne trae profitto?

Continua a seguirmi e troverai le risposte a queste domande!

Intanto ti segnalo un sito utilissimo per verificare se quello che hai ricevuto è un allarme vero oppure no! Si tratta del sito di Paolo Attivissimo, che da anni si prende la briga di  “andare a caccia di bufale” per noi.

  1. entra nel sito http://www.attivissimo.net/
  2. fai clic su “Servizio Antibufala” (è proprio la prima voce!)
  3. e nella casella al centro della pagina che ti appare digita le parole più particolari della mail che hai ricevuto  –  nel caso della bufala qui citata puoi scrivere ad esempio “RICHIAMARE IL NUMERO 0141 455414”
  4. premi il tasto cerca e …BUONA LETTURA!
Se ti è piaciuto dillo in giro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.