Scegliere un Computer – Il Monitor LCD – seconda parte

Come scegliere il Monitor – i monitor LCD
12 Aprile 2010
Scegliere un Computer – Il Monitor LCD – terza parte
14 Aprile 2010
Mostra tutto

Scegliere un Computer – Il Monitor LCD – seconda parte

monitor3Nell’articolo precedente ti ho parlato dei vantaggi derivanti dall’utilizzo di un monitor LCD rispetto al vecchio monitor a tubo catodico ormai, peraltro, fuori produzione.

Oggi entriamo nel merito delle caratteristiche di un monitor LCD così da poter scegliere consapevolmente il monitor migliore per te.

Parto dunque con l’analisi dei tre parametri “soggettivi” ciò quelli più strettamente legati a te, a come lavori, a cosa ti piace, a che programmi usi ed alla qualità della tua vista.

Le Dimensioni del Monitor.

Come per i televisori anche per i monitor quando parliamo di dimensioni non ci riferiamo a quelle di ingombro (altezza, larghezza e profondità) dell’intero monitor, bensì alla misura dello schermo che è data dalla misura della diagonale dello stesso espressa in pollici. Sul mercato ci sono schermi che vanno dai 10″ in su.
In genere i portatili lavorano con schermi più piccoli, che vanno dai 10 pollici dei recenti netbook ai 17″ di certi notebook, con 15″ come misura tipica. I monitor da desktop invece partono dai 17 pollici in su.

La scelta della dimensione del monitor è molto soggettiva e tuttavia decisamente importante nell’ottica dell’utilizzo confortevole del computer. Per farti un esempio: con l’arrivo sul mercato dei nuovi schermi LCD che possono essere usati sia come televisori che come monitor, la tentazione di comprare un monitor da 28″ per qualcuno è molto forte.

Se vuoi prendere un monitor da 28 pollici ovviamente va benissimo, ma ricordati di valutare attentamente le caratteristiche dello spazio che hai a disposizione sul tavolo da lavoro e di pensare a quale uso intendi fare del computer! Usare un computer non è come guardare la televisione ed uno schermo molto grosso spesso si rivela più fastidioso che utile. Se userai il PC per guardare film più spesso di quanto non lo usi per “lavorarci” ben venga un 28″ ma tieni presente che per una normale scrivania e per un normale uso del PC un monitor in 4:3 da 19 pollici (on un 16:9 da 20″) è già un signor monitor, che ti permette di lavorare bene anche con programmi di grafica.

 

Formato: 4:3 o 16:9?

Un’altra scelta importante che dovrai operare è legata al formato ed è anch’essa una scelta meramente soggettiva! Oggi troviamo monitor in 4:3 ed in 16:9 (widescreen – uaidscrin – schermo largo). I monitor con schermo 4:3 sono ottimi per tutti gli utilizzi che possiamo definire “da ufficio” del computer, la maggior parte dei programmi che utilizzi infatti è costruita per lavorare bene in un rapporto 4:3; alcuni nuovi programmi sono creati per adattarsi sia al 4:3 che al 16:9 ma i programmi un po’ datati (come sono la maggior parte dei programmi usati dalla maggior parte degli utenti!) non hanno questa elasticità e sugli schermi 16:9 tendono a subire delle deformazioni quando aperti a tutto schermo.

I monitor 4:3 in genere hanno dimensioni che vanno dai 17″ ai 20″ (ricorda che un 17″ LCD è come un vecchio 19″ CRT); il 17″ tuttavia è in via di estinzione in quanto la minima differenza di costo che c’è tra il 17 ed il 19 pollici spinge a comprare il secondo.

I monitor Widescreen hanno dimensioni che variano dai 19 ai 30 pollici e sono particolarmente adatti per un uso multimediale del computer. Se ad esempio usi spesso il PC per guardare film o se ti piace lavorare con la fascia destra o sinistra dello schermo che visualizza sempre gli oggetti sul desktop, i 16:9 sono l’ideale.

La Risoluzione.

La risoluzione, misurata in pixel (px), è data dal numero di punti sullo schermo che formano l’immagine. A parità di diagonale utile, quindi, maggiori sono questi punti e maggiore sarà la quantità di informazioni visualizzabili. Quindi all’aumentare della risoluzione dello schermo, aumenta la quantità di immagini visualizzabili (oggetti sul desktop) …e diminuisce la loro dimensione!

A tal proposito devi sapere che la risoluzione di un monitor non è direttamente dipendente dalla sua dimensione. Ad esempio, un LCD da 20 e uno da 22 pollici in 16:9 offrono spesso la medesima risoluzione (1680 x 1050 pixel). La differenza sta nella dimensione dei pixel stessi (vedi pixel pitch). Nello schermo da 20″ un punto sullo schermo misura 0,258×0,258 mm, nel modello a 22″ è invece di 0,2767×0,2767 mm. Questo significa che se acquisti un 22″ vedrai immagini di eguale qualità a quelle offerte da un 20″, ma più grandi. Cosa da non sottovalutare se, per esempio, sei miope o presbite!

Altra cosa importante è che, diversamente da quello che accadeva coi monitor catodici, i monitor LCD hanno la massima resa esclusivamente alla risoluzione nativa. Questo significa che la modifica della risoluzione su un display LCD va a scapito della qualità di visualizzazione.

Ed ecco che ancora una volta per fare un buon acquisto diventa determinante che tu abbia chiaro, cosa fai con il pc, come ci vedi, a che distanza tieni lo schermo dagli occhi, come ti piace lavorare, se con tanto spazio o con gli oggetti (icone, pulsanti, scritte, etc) grandi…

Per aiutarti a farti un’idea ti dico che le combinazioni risoluzione-utilizzo tipiche sono:

  • per applicazioni cosiddette “da ufficio” ma che sono spesso anche le classiche applicazioni che si usano in casa, come videoscrittura e simili, una risoluzione nell’ordine dei 1024×768 pixel sarà più che sufficiente ed è infatti la risoluzione “tipica”;
  • per il gioco, per applicazioni multimediali generiche e la navigazione in Internet sarà sufficiente una risoluzione di 1280×1024;
  • per applicazioni grafiche professionali l’ideale è una risoluzione di almeno 1600×1200 pixel.

Entriamo ora nel merito di altre caratteristiche meno evidenti ma molto importanti con l’articolo che segue

 

Se ti è piaciuto dillo in giro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.